Home Archivio frasi scrittori Giovanna Giordano

Chi è online

 55 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Giovanna Giordano

…Poi, come un fiume in piena, corsi da mio fratello e lo coprii di baci. Lo vegliai giorno e notte, sussurrandogli le cose più dolci di noi da bambini. Gli ricordai i fichi, le prugne, il pane caldo, i nostri fratelli Lina e Lio, la madia, il rosolio, la luna, il brigante, i minerali di salgemma, i bachi da seta gonfi di gelso, i gelsomini messi nel letto a profumare il sonno. Gli cantavo canzoni della mia amica maga e lui mi sorrideva, con la nebbia nel cervello.

Una notte chiamò la mamma, cercò di alzarsi, alzò le braccia e morì. Un mare di dolore mi ricoprì, camminavo a occhi chiusi, appoggiandomi ai muri, barcollavo, dicevo stranezze. Iniziai a bere: <<Perché il dolore ci accompagna tutta la vita? Serve forse a renderci migliori?>>

E bevevo, Lou mi accarezzava le dita, Duck mi portava gattini appena nati: <<Se senti scorrere sotto le tue mani la vita che c’è in un cucciolo, ti passa per un po’ il sapore della morte.>>

Suspy non mi dava alcun conforto con le sue parole: <<Ogni giorno trascorso è un piccolo pezzo di morte.>>…

Giovanna Giordano (da Trentaseimila giorni)