Home Versi/di/Versi Charles Baudelaire

Chi è online

 55 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Charles Baudelaire

Charles Baudelaire

Questa sera, la luna sogna con più languore,

come una donna bella su tanti cuscini,

che con mano lieve e distratta accarezza

prima del sonno il dolce contorno dei suoi seni.

Sopra il lucido dorso di valanghe di seta

morente s’abbandona a lunghi smarrimenti, e gira intorno gli occhi su visioni bianche

che nell’azzurro salgono come sboccio di fiori.

Quando nel suo accidioso languore, qualche volta

lascia cadere una lacrima furtiva sulla terra,

un pio poeta nemico del sonno

accoglie nel cavo della mano quella pallida lacrima

iridescente come il frammento d’un opale,

e la nasconde nel suo cuore,

lontano dagli occhi del sole.

 

Charles Baudelaire