Home Versi/di/Versi Gli occhi

Chi è online

 15 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Gli occhi

Gli occhi

Azzurri o neri

tutti amati e belli

tanti, tanti occhi

videro l’aurora

ora li copre

il marmo degli avelli

e il sole è in alto

che risplende ancora

 

Oh quanti occhi

volti verso il cielo

fissarono

le fiaccole notturne

finché sulle pupille

un denso velo

li trasse nel silenzio

delle urne

 

Ma quegli sguardi no

non sono spenti

alla luce che palpita:

sopito per loro

è il mondo

non le risplendenti plaghe

distese verso l’Infinito

 

E come gli astri

con vicende alterne

si celano

nel gioco dei tramonti

alle pupille s’aprono

le eterne spiagge

sfumate in magici orizzonti

 

Azzurri o neri

tutti amati e belli

dischiusi verso

una lucente aurora

di sotto il marmo freddo

degli avelli

gli occhi già spenti

sono vivi ancora …

Armand

Sully-Prudhomme

(Gli occhi)