Home Gli Scrittori Maledetti & Famosi Mishima - Il dominio del crepuscolo

Chi è online

 60 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Mishima - Il dominio del crepuscolo

Yukio Mishima

Il Dominio del Crepuscolo

(Da Sole e Acciaio)

 

In quest’ultimo periodo

ho cominciato a percepire in me

un accumularsi multiforme

assolutamente inesprimibile

attraverso un genere artistico oggettivo

qual è il romanzo;

ma ormai non potrei piu’ divenire

un ventenne poeta lirico;

e in ogni caso non lo sono mai stato.

Ho così ideato un genere adatto ad esprimermi,

una forma intermedia tra la confessione e la critica;

ho scoperto, per così dire,

un dominio sottilmente ambiguo,

che potrei definire critica occulta.

E’ il dominio del crepuscolo,

ai confini tra la notte della confessione

e il giorno della critica:

è, proprio come indica l’etimologia,

il dominio del chi è colui

(gioco di parole tra ta so kare-chi è colui e tasokare-crepuscolo).

Quando dico io,

sento che questo io non mi appartiene con esattezza:

non tutto di questa parola riconfluisce in me:

c’è in essa come una sedimentazione

che non mi appartiene e non riconfluisce:

forse è proprio ciò che chiamo io.

Mentre meditavo su che cosa fosse un simile io,

non potei non riconoscere che, in realtà,

esso coincideva perfettamente

con lo spazio fisico da me occupato.

Ciò che stavo cercando era un linguaggio del corpo.

Presupponendo che il mio io fosse una dimora,

il mio corpo era l’orto che la circondava.

Avrei potuto coltivare con perizia quell’orto,

oppure lasciare che fosse invaso dalle erbacce.

Ero libero d’agire come meglio ritenessi,

ma una simile libertà

non era tanto facilmente comprensibile:

e infatti la maggior parte degli uomini

chiama destino

il giardino della propria casa.

Un giorno decisi d’incominciare

a coltivare alacremente il mio orto.

Usai sole e acciaio.

I raggi implacabili del sole,

uniti all’acciaio dell’aratro e della zappa,

furono i due elementi principali

della mia coltivazione.

Così, mentre gli alberi lentamente fruttificavano,

il pensiero del corpo giunse a occupare

gran parte delle miei meditazioni…