Home Gli Scrittori Maledetti & Famosi Jennings - La teoria azteca dell'areola

Chi è online

 14 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Jennings - La teoria azteca dell'areola

Gary Jennings

La teoria azteca dell’areola

(L’Azteco)

 

La sensibilità di una donna

è direttamente proporzionale

al diametro e al colore scuro

delle areole

 

Per quanto bello

possa essere il suo viso

per quante ben fatte le forme

e indipendentemente

dalla sua disponibilità

o dall’apparente freddezza

 

Questi aspetti

possono essere ingannevoli

anche deliberatamente

da parte della donna

 

Ma esiste

quest’unico indizio certo

della sensualità

e della sua indole

e allo sguardo esperto

non esiste arte della cosmesi

che possa nasconderlo

o contraffarlo

 

La donna che abbia

una vasta e scura areola

intorno ai capezzoli

ha invariabilmente

il sangue ardente

anche se potrebbe desiderare

che fosse altrimenti

 

La donna senza areole

con appena residui di capezzoli

come un uomo

è inevitabilmente fredda

anche se in buona fede

può ritenersi diversa

o anche se si comporta

spudoratamente

per sembrare sensuale

 

E naturalmente vi sono gradazioni

per quanto concerne  l’estensione

e il colore della areole

e soltanto con l’esperienza

si può imparare a valutarle

 

Così all’uomo basta un’occhiata

al seno nudo della donna

e senza perdite di tempo

né pericolo di delusioni

può giudicare

quanto appassionatamente…