Home Versi/di/Versi Donna cangiante

Chi è online

 35 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Donna cangiante

Donna cangiante

Donna Cangiante

venne trovata sulla cima

d’una montagna

da uno straniero

che se la portò a casa

Dodici giorni dopo

era già una ragazza

Dopo diciotto giorni

fu donna

Questo è ciò che si dice

<<Mi chiamo Pesco in Fiore

Stanotte  siamo rimasti svegli

sino all’alba

quando i cantori

hanno cantato

le Canzoni dell’Alba

alla Donna Che Cambia

La tenda dell’hogan

ora è aperta

e io corro fuori verso sud

per mezzo miglio

sei giovani mi seguono

e fingono di fare a gara

con me

So che li batterò

e questo porterà

molta fortuna

Quando torno

dalla torta di mais

viene soffiata via

la cenere

e una donna ne taglia

un pezzo tondo

e lo divide in parti uguali

ne prendo un pezzo

e la porgo

a Ragazzo Che Guarda Giù

Evita di guardarmi

negli occhi

ma accetta la torta

e ne prende un po’

Ora il sole è alto nel cielo

e io sono una Donna>>

Donna Cangiante così ha detto

Non cambierà pettinatura

per stare al passo coi tempi

Porta i capelli lunghi

quando piove

i suoi capelli neri

piovono giù

Donna Che Cambia

indossa il suo cuore

dove la sua gente

può vederlo

Ha sanguinato d’amore

per secoli

nessuno dei quali sprecato

nessuno perduto

Col sangue del suo cuore

il mais diventa verde

Donna Cangiante

è Donna Conchiglia Bianca

Vive nel Pacifico

dove Padre Sole risplende

Ci dona la sua benedizione

con piccole conchiglie

che portiamo attorno al collo

Donna Cangiante

veste di bianco

quando fa freddo

D’inverno camminiamo

leggeri

sulla sua veste di neve

chi lascia impronte pesanti

su di lei

non riceve la sua benedizione

Chi saccheggia  e violenta

deturpa la sua virtù

Chi ruba il tesoro

dalla sua terra

non conoscerà mai

la bellezza

di Donna Cangiante

né potrà farle del male

perché la sua lealtà

va oltre ogni immaginazione

Donna Cangiante non sente

le tue imprecazioni

tu che bestemmi il suo nome

tu che nomini invano il nome

della tua donna

tu che non ami la via

che lei ha creato

Donna Che Cambia

è lì da sempre

quando il suo frutto maturo

venne rubato dal ramo

e Anai il Nemico

tagliò le radici del pesco

bruciò il mais

lasciò impronte

nere e profonde

sopra di lei

Eppure, lei ha reso dolci

i nostri sogni amari

e siamo stati allattati

e sfamati

ci ha insegnato

non ci ha mai fatto del male

Padre Sole ha cercato

di portare via

i Gemelli suoi figli

nostri primi protettori

egli ha permesso che i mostri

camminassero sulla terra

Se lo fissi troppo a lungo

verrai accecato

dal suo potere

Donna Cangiante

così ha detto

l’hogan è suo

e i figli sono suoi

E’ lei la proprietaria

di tutto

e dalla madre

viene il proprietario

Donna Che Cambia

cambia quattro volte l’anno

primavera estate autunno inverno

quattro direzioni

quattro punti cardinali

le quattro nascite

del regno sotterraneo

i quattro respiri della vita

Donna Cangiante così ha detto

In bellezza viene fatto

In armonia viene scritto

In bellezza e armonia

verrà terminato

 

Antica nenia Navajo