Home Versi/di/Versi Rita dell Ande

Chi è online

 51 visitatori online

Cerca all'interno del sito :

E' online

Banner
Il quotidiano diretto da Giuseppe Mazzone.

Sei il visitatore n. :

Newsflash

Vi consigliamo :

Banner
Orazio Longo
"La conquista"
Banner
Rita Marta Massaro
"Infinitami"
Banner
Giuseppe Mazzone
"Ultima stanza a destra"
Banner
Patrizia Vicari
"Gli ospiti dell'antiquario"
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner
Banner

Login

Vuoi ricevere regolarmente le newsletter degli Scrittori Maledetti e Sconosciuti? Oppure vuoi inserire un commento ? Registrati.

Sito realizzato da :

Maria Teresa Alì
per
Banner
Professionistisulweb.
Rita dell Ande

Mi chiedo cosa stia facendo a quest'ora

la mia dolce Rita delle Ande,

dei canneti e dei ciliegi selvatici.

Ora che questo tedio mi soffoca

e il sangue mi si è assopito,

pigra acquavite del mio essere.

Mi chiedo cosa stia facendo con quella mani

che, quasi in penitenza,

eran solite stirare inamidati candori,

nei pomeriggi.

Ora che questa pioggia mi porta via

il desiderio di continuare.

Mi chiedo che ne è della sua gonna con gli smerli;

dei suoi travagli; della sua andatura;

del suo profumo di canna da zucchero

primaverile, di là.

Dev'essere sulla soglia,

intenta a guardare una nuvola veloce.

Un uccello di macchia sui tegoli del tetto

manda un richiamo;

e con un brivido lei dirà, alla fine :

"Gesù, che freddo!"

 

César Vallejo